eutanasialegale

Venerdì, 26 Maggio, 2017 - 10:39
Testamento Biologico: importanti novità dal convegno al Senato organizzato dall'Associazione Luca Coscioni
La relatrice del testo e il presidente della Vigilanza RAI delineano il percorso per arrivare all'approvazione della legge sulle DAT. Matteo Mainardi ci racconta cosa si muove in Parlamento sul testamento biologico.

Testamento Biologico: importanti novità dal convegno al Senato organizzato dall'Associazione Luca Coscioni

RILEGGI TUTTI I PRECEDENTI RESOCONTI DELLE SEDUTE PARLAMENTARI.

Nuova settimana di audizioni in Commissione Igiene e Sanità al Senato, ma le vere novità sono arrivate fuori da Palazzo Madama, al convegno "Testamento biologico: liberi fino alla fine" organizzato dall'Associazione Luca Coscioni in collaborazione con l'intergruppo parlamentare per le scelte di fine vita, convegno che puoi riascoltare integralmente cliccando qui.

In Sala degli Atti parlamentari, all'interno della Biblioteca del Senato, è intervenuta la relatrice Emilia De Biasi (PD): "La situazione al Senato è molto delicata per i numeri. C'è una trasversalità dei favorevoli, ma anche dei contrari. Sono infatti state presentate più di 70 richieste di audizioni, il triplo di quelle richieste alla Camera e il doppio di quelle presentate per un provvedimento altrettanto importante come quello sulla responsabilità professionale e la sicurezza delle cure. In sede di Ufficio di presidenza ho chiesto un'automoderazione ai gruppi, qualcuno ha colto l'invito. La mia opinione è che bisogna stare molto attenti ai tempi per arrivare all'approvazione di questa legge. Ritengo sia bene che questo testo non si modifichi. La partita è molto netta: o ci infiliamo in un percorso di modifiche che non sappiamo come andrà a finire, o scegliamo una strada che può essere di non totale soddisfazione, ma che ci permette di fare un primo passo importantissimo sul tema. Tutti noi vorremmo cambiare qualcosa, ma il nostro passo indietro può consentire un passo in avanti del Paese. L'obiettivo è quello di portare a casa rapidamente una buona legge. Il resto lo possiamo lasciare a degli ordini del giorno".

Ad intervenire è stata anche Filomena Gallo, segretaria dell'Associazione Luca Coscioni: "La Carta costituzionale ha aiutato l'affermazione di diritti anche sul fine vita, ma non è possibile dover ricorrere ai tribunali per questa affermazione. Il nostro legislatore si è visto aprire la strada dalla magistratura sul tema, ora serve un suo passo. Anche io sono stata audita in Commissione al Senato ed ho evidenziato possibili miglioramenti, ma se vogliamo andare nuovamente al voto rimanderemo di fatto il dibattito alla prossima legislatura. Non possiamo abbandonare il lavoro fatto dalla Camera negli ultimi 15 mesi dato che siamo comunque di fronte a una buona legge sul testamento biologico".

Novità importanti da Roberto Fico, capogruppo M5S alla Camera e Presidente della Commissione Vigilanza RAI: "In RAI agisce ancora un sistema culturale schiacciato sui partiti, sul dibattito parlamentare e sul Governo. E' difficile affrontare laicamente le varie tematiche. Che impegni mi prendo? Due impegni di cui il primo più semplice, in quanto appartiene al mio gruppo parlamentare: abbiamo spinto per far sì che ci sia l'approvazione nel più breve tempo possibile al Senato della legge sul testamento biologico. Ho parlato da capogruppo personalmente con il presidente del PD alla Camera Rosato e anche lui si è detto favorevole a questo percorso. Così con Zanda, così con i nostri capigruppo al Senato. Da presidente di Commissione di Vigilanza, spingerò e spingeremo - così come facciamo da molto tempo - affinché la RAI affronti temi di interesse pubblico come questo".

Le conclusioni sono state lasciate a Marco Cappato, disobbediente civile insieme a Mina Welby: "Abbiamo fatto enormi passi in avanti. Il presidente Fico ci ha dato una notizia importante sul piano politico. Ci ha parlato di un impegno che c'è ai massimi livelli dei partiti politici coinvolti. La possibilità di arrivare in tempo entro la fine della legislatura ad una legge sul testamento biologico c'è. C'è e va colta".

REGISTRATI ALLA NEWSLETTER SUGLI AGGIORNAMENTI PARLAMENTARI CLICCANDO QUI!